Etichette

mercoledì 19 dicembre 2012

Tartine di pane nero con crema Obatzda alla paprika


Ho preso il Vollkornbrot, la ricetta originale prevedeva delle sfoglie da comprare già pronte (da qui la foto), ma mi piaceva di più l'idea del pane nero, visto che è una crema che si mangia molto in Germania e Austria e l'abbinamento secondo me è riuscito.
Ho tagliato quindi il pane nero in tanti piccoli cuoricini (con un tagliabiscotti) e poi ho fatto la crema:
Ingredienti per la crema:

Birra chiara 4 cucchiai
Burro 20 gr
Camembert 200 gr (va bene anche il Brie)
Cipollotto fresco 1 (facoltativo) - io ho messo l'erba cipollina
Paprika dolce q.b.
Pepe nero q.b.
Stracchino 120 gr

Ponete in un mixer il camembert (possibilmente piuttosto maturo) e lo stracchino. Aggiungete il burro ammorbidito e  4 cucchiai di birra chiara. Frullate bene il tutto fino ad ottenere una consistenza liscia e cremosa.
Trasferite la crema in una ciotola e pepate a piacere. Se lo gradite tritate finemente un cipollotto e aggiungetelo alla crema.
"Colorate" la crema con la paprika dolce.
Dopodiche spalmate sulle tartine di pane nero (magari un po'  meglio di come ho fatto io!), meglio se poi li conservate in frigo coperti fino al momento di servire.


Muffin ai peperoni


Ingredienti per 12 muffin
Acciughe (alici) 4 filetti
Capperi 25 gr
Farina tipo 00, 200 gr
Latte 100 ml
Lievito chimico in polvere per impasti salati, 10 gr
Olio di semi di mais o di girasole, 100 ml
Parmigiano Reggiano 100 gr
Pepe q.b.
Peperoni rossi e gialli, 200 gr
Provola 80 gr
Sale q.b.
Uova 3

Per facilitare l'operazione io ho usato peperoni già grigliati e spellati, altrimenti bisogna farlo prima ed è un procedimento lungo!

Sbattete le uova con il latte, aiutandovi con una frusta. Aggiungete l’olio, salate e pepate. Continuando a sbattere unite la farina setacciata, il lievito e per ultimo il parmigiano grattugiato. Mescolate bene e aggiungete i peperoni tagliati a pezzetti, i filetti di alici, che avrete tagliato a piccoli pezzettini e i capperi, quindi tagliate a cubetti la provola e unitela al composto. Amalgamate tutti gli ingredienti e, se necessario, aggiustate di sale e pepe.

Distribuire il composto in stampini da muffin e poi in forno a 180° per 35 minuti o quando saranno belli dorati  in superficie.

Sono buoni tiepidi.

Crocchette di ceci e gamberi

Buonissime e scenografiche!
Ingredienti per 15 crocchette

Aglio 1 spicchio
Burro 20 gr
Ceci cotti 200 gr
15 Gamberi
gamberetti 200 gr
Olio di oliva 2 cucchiai
pancarrè 60 gr
Pepe q.b. Sale q.b.
Scalogno 1 spicchio
Timo fresco 4 rametti
1 uovo
Pane grattugiato e uovo per friggere

Procedimento:
In un tegame mettete l’olio, il burro, l’aglio e lo scalogno tritati; fate appassire il tutto a fuoco basso per 10-15 minuti, poi aggiungete i gamberetti e lasciateli cuocere per 5 minuti, quindi aggiungete i ceci, le foglioline di timo, il sale e il pepe. Quando il tutto si sarà ben insaporito e il fondo di cottura asciugato, spegnete il fuoco e lasciate intiepidire. Versate tutti gli ingredienti in un mixer e frullate, subito dopo aggiungete l’uovo e il pancarré ridotto a cubetti, quindi frullate ancora fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Nel frattempo lessate i gamberi e sgusciateli lasciando solamente la parte finale della coda.

Dividete il composto in 15 palline con le quali, appiattendole, andrete a ricoprire i gamberi, formando delle crocchette alle quali lascerete in vista la coda del gambero. Passate le crocchette nell'uovo sbattuto e poi nel pangrattato, quindi friggetele nell'olio caldo e scolatele adagiandole su di un piatto foderato con carta assorbente da cucina.

Se preferite potete scegliere di cuocere le crocchette di ceci e gamberi al forno, impostando la temperatura del forno a 200 gradi e facendo cuocere le crocchette per circa 15 minuti o fino a quando non si saranno dorate. Servite le crocchette di ceci e gamberi ancora calde, accompagnandole, se vi piace, con alcune salse come maionese, salsa di soia, salsa cocktail.

Io avevo meno gamberi e con il resto della pasta ai ceci ho fatto delle palline che poi ho fritto e sono venute buonissime, consiglio se si ha meno tempo questa alternativa, anche se non hanno la forma di gambero con la codina che spunta, sono ottime lo stesso!

Cornetti Salati

Ricettina facile e veloce
Occorre della pasta sfoglia per i cornetti e il ripieno si può inventare.
Io ne ho preparati di due tipi, uno con pancetta e formaggio gouda a fette e uno con salmone e robiola ammorbidita e mescolata con erba cipollina.
Per fare i cornetti bisogna tagliare al sfoglia in triangoli, posizionare al centro il ripieno e poi avvoltolare su se stessi fino a far prendere la forma da briochina.
Spennellare con uovo e cospargere a scelta con semini vari (io ho usato il Mohn e il sesamo)
In forno a 180° fino a doratura dell'uovo. (20 minuti max).

giovedì 29 novembre 2012

Gebackene Dampfnudeln mit Vanillensauce

1 Pck Trockenhefe
1 TL Zucker
5 EL Milch
500 g Mehl
Salz
25 g Zucker
30 g Butter
1 Ei
1 TL Zitronenschale
30 g Butter
25 g Zucker
Vanillenpudding

Die Dampfnudeln werden bei dieser Variante im Ofen gebacken. Trockenhefe mit 1 TL Zucker und 5 EL lauwarber Milsch verruehren und ca. 5 min gehen lassen, bis sich Blasen bilden. Mehl mit einer Prise Salz, 25 g Zucker, 30 g warmer Butter, Ei und abgeriebener Schale einer unbehandelten Zitrone mischen. Hefeloesung darueber giessen. Waehrend des Knetens nur soviel lauwarme Milsch zugiessen bis sich der Hefeteig leicht vom Schuesselrand loest. Hefeteig abdecken an einem warmen Ort ca. 30 Minuten gehen lassen, bis er sichtbar aufgegangen ist. Teig auf einer leicht bemehlten Flaeche zu einer dicken rolle formen und fuer Dampfnudeln in 6 grosse oder 9 kleine Teile teilen. Aus den Teilen gleichmaessige Kugeln formen und dicht nebeneinander in einer gefettete Auflaufform setzen. Zugedeckt 10 Minuten ruhen lassen. Mit 30 g fluessiger Butter bepinseln und mit 25 g Zucker bestreuen. Im vorheizten Ofen bei 200° auf der underen Schiene in ca. 30 Minuten goldbraun backen. Milch aufkochen und Vanillenpudding vorbereiten. Warme Vanillensauce zu den gebackenen Dampfnudeln reichen.

Allora, questa è la ricetta presa da internet. La mia variante è stata di sostituire il lievito in polvere (il Bertolini per intenderci) con circa 20g di lievito di birra.
Quindi procedere con il classico polish: scioigliere il lievito di birra in 5 cucchiai di latte tiepido, aggiungere una manciata di farina e mescolare fino a far sciogliere il lievito. lasciare riposare fintanto che non si formino delle bollicine.
A questo punto il polish è pronto (il lievito intanto avrà già iniziato ad aumentare) aggiungerlo al resto della farina e procedere come indicato nella ricetta qui sopra. Lasciar riposare per un paio d'ore (coprire con un telo) e poi formare le Kugeln, metterle in una pirofila e lasciar riposare per altri 15 minuti circa, poi ungerle con il burro fuso e spolverare di zucchero. Infornare. I 200° indicati per me sono troppi, poi dipende dal forno. Ho lasciato 200°, poi dopo 20 minuti ho ridotto a 175°. La prossima volta imposterò subito 180°.

Crostini, banalmente

Per guarnire una crema di verdure, una zuppa, prendete delle fette di pane in cassetta e tagliatele a cubetti.
In una bella padella larga mettete olio, una noce di burro, rosmarino, uno spicchio di aglio in camicia e lasciate prendere sapore.
Aggiungete poi i cubetti di pane, fate soffriggere togliendo il rosmarino e l'aglio e aggiungendo sale e pepe.
Attenzione che bruciano!
5 minuti e sono pronti!

lunedì 26 novembre 2012

Plum cake allo yogurt e mirtilli

Ecco qui un dolce facile e veloce!
Ingredienti:
3 uova
125 gr di zucchero
100 gr di burro
150 ml di yogurt bianco intero
200 gr di farina
1 bustina di lievito
1/2 bicchiere di latte
1 vaschetta di mirtilli (o 2)

Far sciogliere il burro e farlo raffreddare.
Nel frattempo montare le uova con lo zucchero fino a quando saranno belle spumose.
Aggiungere quindi lo yogurt e il burro ormai freddo.
Continuando a sbattere il composto aggiungere la farina con il lievito setacciati insieme e mezzo bicchiere di latte.
Alla fine il composto sarà cremoso.
Infarinare i mirtilli e aggiungerli delicatamente al composto.
Imburrare e infarinare uno stampo da plum cake.
Versare il composto e infornare a 180° per 40 minuti.
Se dopo una mezz'ora il plum cake vi sembra troppo colorito coprire lo stampo con un po' di carta d'argento e terminare la cottura. Sarà pronto con la famosa prova stecchino.

Enjoy!

domenica 11 novembre 2012

Tarallucci pugliesi


INGREDIENTI:
500g di farina
200 ml di vino bianco secco buono
125 gr di olio (la prossima volta ne metto meno)
10g abbondanti di sale
pepe

Unire tutti gli ingredienti e impastare. Anche per 20 minuti, fino a che non si ha una bella pasta elastica e liscia (io l'ho fatto fare all'impastatrice)
Coprire la palla di pasta e mettere al fresco per una mezz'ora.
Mettere a bollire una pentola di acqua.
Prendere un po' di pasta per volta e fare dei cilindri con le mani (per la misura vedete voi) e poi dare la forma a goccia.
Quando sono tutti pronti buttarli nell'acqua bollente un po' alla volta, tirarli fuori quando salgono, come gli gnocchi.
Una volta sbollentati tutti metterli su una placca da forno con la cartaforno e infornare a 200° per almeno 30 minuti (controllare).
Lasciar raffreddare e poi mangiare!
Enjoy!

ps la prossima volta aggiungo a metà impasto del peperoncino!


venerdì 9 novembre 2012

Torta alla ricotta

Semplice e veloce ricettina:
300gr farina
300gr ricotta
3 uova
250gr zucchero
una bustina di lievito
50gr burro
latte qb
100 gr gocce di cioccolato

Sbattere i tuorli con lo zucchero e il burro morbido. Aggiungere poi la ricotta e il latte (un bicchiere dovrebbe bastare) e successivamente la farina setacciata con il lievito.
Montare nel frattempo gli albumi a neve ferma e incorporarli delicatamente all'impasto.
Aggiungere le gocce di cioccolato, versare il tutto nella tortiera imburrata e infornare a 180° per una 40ina di minuti.
Enjoy!

lunedì 5 novembre 2012

La vera piadina romagnola



Ecco, stasera mi sono fatta prendere da questa follia, complice il fatto che mia mamma mi ha prestato il suo ferro per piadine.
Non so se cotte in altra maniera hanno la stessa riuscita, assicuro che così sono favolose e mi hanno riportata indietro di millanta anni a Milano Marittima.....
Dunque, la ricetta proviene direttamente da colà, ne sono venute 8.

500 gr di farina
100 gr di strutto (e secondo me più ce n'è e meglio è)
250 ml di latte (o acqua, o metà e metà)
25 gr di sale
bicarbonato un cucchiaino
zucchero un pizzichino

Ho buttato tutto magicamente nel Kenwood e ho lasciato impastare per almeno 10 minuti.
Ho fatto riposare per mezz'ora.
Poi ho messo il ferro sul fuoco, quando una gocciolina d'acqua che ci spruzzate sopra evapora, il ferro è in temperatura.

Fare delle palline e con il mattarello stendere la pasta fino a formare dei dischi (o pseudo tali), purchè siano sottili sottili
Mettere sul ferro.
Far cuocere un paio di minuti per lato. Se si formassero delle bolle romperle con una forchetta.

Consumate subito con prosciutto o salame sono semplicemente divine.....

Enjoy



Torta di noci della nonna Cicci



Prima premessa: con questa torta un'amica di mia mamma vinse il primo premio ad un concorso (lei non era capace di fare torte e quindi chiese aiuto a mia mamma che fece questa)
Seconda premessa: è complicata da fare, direi difficile. Se l'avessi saputo (ma avrei anche potuto intuirlo, leggendo la ricetta...) quindi prendetevi tempo e pazienza per farla.

Ingredienti:
per la pasta frolla:
350g farina
125 zucchero
125 burro
1 uovo (ma siamo sicuri????)
un pizzico di sale, scorza di limone qb
Per il ripieno:
225g zucchero
1dl e mezzo (ne ho messo di più) di panna liquida
1 cucchiaio di miele
180 gr di noci tritate grossolanamente.

Preparare la pasta frolla. Mettere la palla in frigo e procedere con il ripeno:
Mettere in una casseruola al fuoco lo zucchero e farlo sciogliere fino a che non sarà caramellato (attenzione a non bruciarlo!). Versare nel recipiente la panna, rimestando con il cucchiaio fino a a che lo zucchero non si sarà sciolto. (E qui è entrato in azione pure il minipimer, dato che lo zucchero caramellato aveva tutte le intenzioni del mondo tranne che di sciogliersi). Aggiungere il miele e le noci, mescolate bene. Deve risultare un composto denso. Per questo procedimento io ci ho messo un'ora credo ...  :(

Rivestire la tortiere di pasta frolla tenendo da parte pasta a sufficienza per creare un coperchio (io ne ho dovuta fare extra), spalmare sul fondo il composto di noci e ricoprire con il disco di pasta.

Spennellatina di uovo, bucherellare con la forchetta e in forno a 200° per 25/30 minuti circa.

In questo momento l'ho tirata fuori dal forno, sembra una banalissima crostata ripiena, chissà se si lascerà tagliare?? Ha lo stesso peso specifico dell'uranio.....

Boh, vi saprò dire

sabato 3 novembre 2012

Rotolo con crema di nocciole

La torta si compone di tre procedimenti: il rotolo, la crema alle nocciole e la copertura di cioccolata.
Per il rotolo:

4 uova
80 gr di zucchero
50 gr di farina
50 gr di fecola di patate
1 pizzico di bicarbonato
1 scorza di limone grattugiato
Procedere come segue:

Separare i tuorli dagli albumi. Montare gli albumi a neve e metterli a parte.
A parte montare i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro, spumoso.

Aggiungere la farina e la fecola setacciate, un pizzico di bicarbonato e la scorza di limone grattugiata.
Infine incorporare al composto gli albumi montati a neve.
Stendere della carta forno su una teglia da forno, versate il composto ottenuto e livellate il più possibile.
Infornare la pasta a 180° e cuocere per10-12 minuti.
Su una spianatoia disporre un foglio di cartaforno e rovesciare la pasta sopra, quindi,staccare delicatamente quella usata per la cottura.
Coprire la pasta con un altro foglio di carta forno e arrotolarla mentre è ancora calda.
Nel frattempo preparate il ripieno:

250 g di mascarpone
125g di zucchero
125g di nocciole
100 ml di latte fresco
Procedendo in questo modo:

Montate con una frusta il mascarpone con il latte e lo zucchero fino a ottenere una crema spumosa e lucida.
Unite il composto ottenuto con le nocciole tritate finemente e amalgamate il tutto. (Devo dire che a questi ingredienti io ho aggiunto sia mascarpone che nocciole, in quanto mi sembrava un po' troppo liquido per poter rimanere in forma nel rotolo, quindi circa 300g di mascarpone e circa 150g di nocciole in tutto).

Passare all'assemblaggio del rotolo:
Una volta raffreddata, srotolare la pasta con delicatezza e stendere la crema ottenuta lasciando libero un bordo della pasta.
Arrotolare quindi la pasta su se stessa, avvolgerla nella carta forno e fermatela bene, stringendo il rotolo nella carta forno.
Mettete in frigo per un pochino, il tempo di preparare la glassa al cioccolato, di modo che inizi già a compattarsi.

Per la glassa al cioccolato io ho usato:
200 g cioccolato fondente
70 g di burro
2 cucchiai di acqua
Ho messo tutti e tre gli ingredienti a bagnomaria a sciogliere.

Appena sciolta la cioccolata ho ricoperto per bene il rotolo, cercando di far colare la glassa anche sui bordi.

Ho poi cosparso un po' di granella di nocciole (io ho comprato un Haselnusskrokant in Germania) e ho messo il rotolo in frigo.

L'ho preparato il giorno prima ed è rimasto ottimo per parecchi giorni.

Enjoy!









domenica 29 luglio 2012

Vitello tonnato

So bene che questa è una ricetta che tutte sappiamo fare.
Vorrei solo postarla qui, perché alle volte si cercasse ispirazione.....


Si fa cuocere la carne (io ho usato un magatello) con un bicchiere di vino bianco secco, acqua, una carota, una cipolla, un gambo di sedano, alloro, rosmarino, aglio e pepe nero in grani e sale grosso. (Io l'ho cotto in pentola a pressione una mezz'ora)

Per la salsa ci vogliono tre uova sode, tonno sott'olio abbondante ( ho usato 4 scatolette da 80 gr), una manciata di capperi, un paio di acciughe e qualche cucchiaio del brodo della carne. Frullare tutto insieme e aggiustare di ingredienti (in realtà ho aggiunto anche un cucchiaio di maionese, perchè i miei capperi salati di pantelleria erano davvero molto forti).

Si fa raffreddare un pochino la carne, si affetta molto sottile (con l'affettatrice viene benissimo) e si ricopre con abbondante salsina tonnata. Guarnire con qualche cappero.

Mettere in frigo e gustare freddo.

Enjoy!

martedì 24 luglio 2012

Tiramisu ai lamponi

   

Ricetta copiata da internet, speriamo anche sia buono, no l'ho ancora assaggiato

Ingredienti
250 g di lamponi freschi o surgelati
200 g di mascarpone
3 uova
80 g di zucchero
16 biscotti savoiardi
50 g di pistacchi (sbuccciati e non salati)

Dopo aver messo da parte alcuni lamponi interi per la decorazione schiaccia gli altri in una ciotola con 20 grammi di zucchero. Rompi le uova separando i tuorli dagli albumi. Monta i tuorli con 50 grammi di zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungi il mascarpone e mescola energicamente per rendere il tutto omogeneo.
Sminuzza i pistacchi e mettili in una ciotola. Monta i bianchi a neve con i 10 grammi di zucchero rimasti fino ad ottenere un composto ben fermo. Con un cucchiaio incorpora a poco a poco gli albumi montati a neve alla crema appena preparata. Mescola in maniera delicata dal basso verso l'alto e riponi il tutto al fresco.
Ora devi solo riporre il tiramisù nei bicchieri per servirlo. Per questo sbriciola 8 biscotti e suddividili nei quattro bicchieri. Ricopri con uno strato di purea di lamponi e quindi con un po' di crema. Sbriciola gli altri biscotti rimasti e suddividili nei quattro bicchieri. Copri con uno strato di purea di lamponi e uno di crema. Infine decora con i lamponi interi e i pistacchi sminuzzati. Riponi in frigo per due ore.

giovedì 19 luglio 2012

La colatura di alici


La colatura di alici di Cetara è un prodotto agroalimentare tradizionale campano, prodotto nel piccolo borgo marinaro di Cetara, in Costiera Amalfitana.
La colatura di alici è una salsa liquida trasparente dal colore ambrato che viene prodotta da un tradizionale procedimento di maturazione delle alici in una soluzione satura di acqua e sale. Le alici impiegate sono pescate nei pressi della costiera amalfitana nel periodo che va dal 25 marzo, che corrisponde alla festa dell'Annunciazione, fino al 22 luglio, giorno di Santa Maria Maddalena.
Le origini di questo prodotto gastronomico risalgono ai Romani, che producevano una salsa molto simile alla colatura odierna, chiamata garum. La ricetta venne poi in qualche modo recuperata nel Medioevo da parte dei gruppi monastici presenti in Costiera, i quali ad agosto erano soliti conservare sotto sale le alici in botti di legno con le doghe scollate e poste in mezzo a due travi, dette mbuosti; sotto l'azione del sale, le alici perdevano liquidi che fuoriuscivano tra le fessure delle botti. Il procedimento si diffuse successivamente tra la popolazione della costa, che la perfezionò con l'utilizzo di cappucci di lana per filtrare la salamoia.

Alle alici, appena pescate, vengono rimosse la testa e le interiora, vengono quindi tenute per 24 ore in contenitori con abbondante sale marino. Sono quindi trasferite in piccole botti di castagno o rovere (dette terzigni), alternate a strati di sale, e ricoperte da un disco di legno sul quale sono posti dei pesi, via via minori col passare del tempo. A seguito della pressione e della maturazione del pesce, affiora del liquido in superficie che, nel caso di preparazione di alici sotto sale, viene eliminato. Proprio questo liquido, invece, fornisce la base per la preparazione della colatura di alici. Viene infatti conservato in grossi recipienti di vetro ed esposto alla luce diretta del sole che, per evaporazione dell'acqua ne aumenta la concentrazione. Dopo circa quattro o cinque mesi, tipicamente quindi tra la fine di ottobre e l'inizio di novembre, tutto il liquido raccolto viene nuovamente versato nelle botti con le alici, e fatto lentamente colare attraverso un foro, tra gli strati di pesce, in modo da raccoglierne ulteriormente il sapore. Viene infine filtrato attraverso teli di lino, ed è quindi pronto per gli inizi di dicembre.
Viene usata tipicamente per condire gli spaghetti e le linguine che debbono essere cotte senza sale, essendo la colatura di alici molto salata. A Cetara questo piatto è tipico della vigilia di Natale.

Cuocere la pasta (spaghetti, linguine, tagliatelle) in acqua non salata. A parte preparare il condimento costituito da: prezzemolo, aglio e peperoncino (se piace) tutto tritato, qualche pomodorino, un cucchiaio abbondante di colatura di alici per ogni commensale, olio extravergine di oliva. Scolata la pasta al dente, si unisce il condimento preparato, amalgamando il tutto a crudo.
La colatura d'alici può essere anche utilizzata per insaporire piatti a base di pesce o verdure (fatta eccezione della scarola per la pizza ripiena).


giovedì 31 maggio 2012

Crumble di mele in crosta


Ingredienti
100 g di burro tagliato a pezzi
 80  g di zucchero
150 g di farina
1 pizzico di sale
600 g di mele private del torsolo e tagliate in quarti
1 cucchiaio di succo di limone
1 cucchiaino di cannella in polvere

Preriscaldare il forno a 180°
Preparare il crumble: mettere nel mixer il burro, lo zucchero, la farina e il sale e azionare a velocità moderata per circa 10 secondi
In una padella antiaderente cuocere le mele tagliate a dadini molto piccoli con la cannella e il succo di limone per circa 5 minuti.
Imburrare una teglia e disporre sul fondo le mele,  ricoprire con il crumble (sbriciolandolo con le mani,
si formano come delle piccolissime palline) e infornare per circa 30 minuti o fino a quando il crumble
non acquista un colore dorato.
Servire tiepido.


domenica 20 maggio 2012

Torta al rabarbaro e lamponi




Ingredienti : per una placca da forno, 
450 gr di rabarbaro bio,
250 gr di lamponi freschi,
2 vasetti di yogurt (da 150 gr),
2 vasetti di farina (ca. 250 gr),
2 vasetti di maizena (ca. 250 gr), 
bustina di lievito per dolci,
5 uova,
2 vasetti di zucchero (ca. 350 gr),
1 stecca di vaniglia,
2 cucchiaini di buccia grattugiata di un’arancia non trattata,
1 1/2 vasetti di olio di semi (ca. 250-300 ml),
1 manciata di pinoli,zucchero a velo qb,burro per la teglia

Mondare il rabarbaro, togliere le parti filamentose e tagliarlo a pezzetti della lunghezza di ca. 4 cm. Imburrare la placca da forno e infarinarla leggermente. Riscaldare il forno a 200 °C (180° se ventilato). Incidere la stecca di vaniglia con un coltello ed estrarne i semini. Versare provvisoriamente lo yogurt in un recipiente e lavare un vasetto per usarlo come misurino.
Mischiare la farina, la maizena ed il lievito per dolci in una scodella. In un recipiente separato battere uova, zucchero e i semi della vaniglia fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungere prima lo yogurt e la buccia di arancia, poi il mix di farina e maizena. Alla fine aggiungere l’olio e mescolare bene fino ad ottenere un composto omogeneo. Versare il composto nella placca da forno e livellare la superficie. Distribuire i pezzetti di rabarbaro sul composto. Infornare per circa 15 minuti.
Tirare la torta fuori dal forno e distribuire ora i lamponi ed i pinoli. Cospargere con ca. 2 cucchiai di zucchero a velo. Infornare per altri 20-25 minuti finché la torta non risulterà dorata in superficie. Fare la prova dello stecchino. Far raffreddare prima di cospargere nuovamente di zucchero a velo.

Io ho messo meno zucchero, mi sembrava davvero troppo. Tenete presente che ne viene proprio tanta, si possono dimezzare tranquillamente si dosi.


domenica 6 maggio 2012

Insalata di gamberi alla catalana



Ingredienti per 2 persone:

750 gr di code di gamberi, 1 cipolla di tropea, 2 gambe di sedano bianco, un ciuffetto di basilico, 300 gr  di pomodorini pachino o datterini, olio extravergine di  oliva, sale e pepe.

Unite le code di gambero lessate alle verdure tagliate, condite con olio sale e pepe e voilà....buon appetito.
I coccolini
Ingredienti:
200 gr di farina di cocco| 500gr di ricotta fresca | 250 gr di zucchero semolato -  150 gr di cacao amaro


Passate al setaccio la ricotta e raccoglietela in una ciotola. Unite tutto lo zucchero e 150 gr. di coccoe mescolate bene.
Dividete l’impasto in due parti uguali e mettetelo in due ciotole separate. In una delle due ciotole unite metà del cacao rimasto (l’altra metà servira’ per rivestire le palline).
Formate delle palline con i due impasti. Fate poi rotolare le palline bianche nel cacao fino a che siano perfettamente ricoperte.
Rigirate invece le palline al cacao nel cocco  rimasto.
Disponete tutte le palline nei pirottini di carta e servite.

Io in quelli bianchi ho aggiunto un goccio di rhum!

giovedì 22 marzo 2012

Ricette dal SudAfrica: Pudding alla malva

Malva Pudding (serves 4) A sweet pudding of Dutch origin, Malva Pudding is usually served hot with custard or ice-cream. Made with apricot jam, this typical South African dessert has a spongy, caramelised texture. Ingredients – Cake: 1 cup castor sugar 2 eggs (room temp) 1 tablespoon smooth apricot jam 1 ¼ cups cake flour 1 teaspoon bicarb of soda (5ml) pinch salt 2 tablespoons butter (30ml) 1 tablespoon vinegar (15ml) 125ml milk Ingredients – The Sauce 250ml cream 125ml butter 125ml sugar 125ml water/Orange juice/Sherry/Brandy Method: 1.       Set oven to 190°C 2.       Beat castor sugar and eggs until fluffy then beat in the jam until a creamy consistency 3.       Sift dry ingredients into separate bowl. 4.       Melt butter in a small pot on a medium heat and add the vinegar and milk 5.       Now add the above mixture (butter, milk, eggs) to the sifted ingredients and mix well. Now add the eggs mixture and combine well. 6.       Pour into an ovenproof casserole dish that takes about 2 liters. 7.       Bake at 190°C for 45 mins until the top is nicely browned. 8.       Melt all the sauce ingredients together in a small pot over a medium heat and pour over the pudding before serving, preferably while it’s still hot. 9.       Serve it with ice-cream or custard or both

mercoledì 21 marzo 2012

Blueberry Muffins

La forma non è delle migliori....

INGREDIENTI

240 gr di farina
130 gr di zucchero
100 gr di burro
2 uova
150 ml di latte
150 gr di mirtilli
1 bustina di lievito
1 pizzico di bicarbonato
aroma di vaniglia (o una bustina di vanillina)
la scorza di un limone

PREPARAZIONE

In una ciotola setacciate la farina, lo zucchero, il lievito e il bicarbonato.
In un’altra ciotola sbattete le uova insieme al burro fuso intiepidito, il latte, l’ essenza di vaniglia e la scorza di limone grattugiata
Versare il composto liquido nella ciotola con gli ingredienti secchi
Mescolare l’ impasto dei muffin con un cucchiaio di legno (io ho usato la planetaria con frusta a K) fino a quando il composto risulterà omogeneo, aggiungete quindi i mirtilli lavati e asciugati.
Incorporate delicatamente i mirtilli all’impasto facendo attenzione a non romperli.
Versare l’impasto dei muffin ai mirtilli nei pirottini riempendoli per meta’ della loro altezza.
Infornate i muffin a 180° e cuocete per 20 minuti circa.

La forma da fungo della foto è dovuta al fatto che lo stampo da muffin che ho in casa è strano, i buchi sono molto stretti e quindi ho messo troppo impasto.....

Fondamentale: i mirtilli devono essere OTTIMI (questi non lo erano mica tanto, un po' insapore...)
Comunque nell'insieme ricetta facile e se si sostituiscono i mirtilli con gocce di cioccolato.....


sabato 10 marzo 2012

Torta Cioccolato e Pere


INGREDIENTI
125 gr di burro
170 gr di cioccolato fondente
40 gr di farina
60 gr di maizena
3 uova
1 bustina di lievito
1 bustina di vanillina
120 gr di zucchero
100 gr di amaretti

2 o 3 pere

Io ho iniziato sciogliendo a bagnomaria il cioccolato con il burro e nel frattempo ho sbattuto le uova con lo zucchero e la vanillina.
Ho aggiunto alle uova spumose la maizena, la farina e il lievito setacciati e poi a filo il cioccolato fuso.
In ultimo ho aggiunto gli amaretti polverizzati.
In una teglia imburrata e infarinata ho messo circa mezzo impasto.
Ho tagliato le pere a pezzettini, le ho sparse sull'impasto e poi ho ricoperto con il resto.
In forno a 35-40 minuti a circa 180°

La decorazione è fatta con zucchero a velo e un pezzettino di carta tagliato a forma di pera.

Enjoy

Quiche fantasia

La sperimentazione delle torte salate è infinita...
Questa sera ho fatto una via di mezzo tra una pasqualina e una torta salata.
Gli ingredienti sono zucchine, porri, spinaci, ricotta, parmigiano e uova.
E ovviamente pasta sfoglia.
Quantità e procedimento... a braccio!
Il risultato molto gustoso.

sabato 3 marzo 2012

Torta all'arancia

Ingredienti per la base

burro: 80 gr

zucchero: 100 gr

uova: 2

arance: la scorza di una + il succo di 2

farina: 200 gr

lievito: 1 bustina

Ingredienti per la glassa

zucchero: 35 gr

arance: 1

Prendete una ciotola e mettete lo zucchero, il burro fuso e i tuorli, mescolate con la frusta e poi aggiungete la scorza di arance e il succo, incorporate gradualmente la farina e il lievito.

Montate gli albumi a neve e poi incorporateli all’impasto. Prendete una teglia, imburratela e spolverizzatela con la farina e poi versate il composto. Cuocete la torta in forno caldo a 180°C per 30 minuti.

Preparate la glassa in questo modo. Prendete un pentolino e mettete il succo d’arancia e lo zucchero, portate sul fuoco e cuocete per circa 4 – 5 minuti mescolando in continuazione. Pennellate la torta con la glassa e servitela.

martedì 21 febbraio 2012

La vera focaccia genovese


Ragazze, vi giro il link per la ricetta della focaccia che ho fatto sabato.
E' eccezionale. Ci vuole tempo ma per il resto è semplicissima!!!
Ho sostituito il malto con lo zucchero e non ho sciolto il lievito (perchè sulla bustina di lievito tedesco c'è scritto di NON farlo...) e ho lasciato lievitare nel forno chiuso ma senza lampadina perchè ... è rotta!!! Il risultato però è stato pazzesco.
Mi raccomando, tempo, pazienza e seguire PEDISSEQUAMENTE i tempi di lievitazione!
Un ringraziamento speciale va a Chiara, mia sorella, che ha scovato il sito!
Buon appetito!



sabato 18 febbraio 2012

Torta Noci e Fichi Secchi


100 gr di burro a temperatura ambiente
100 gr di zucchero di canna
2 cucchiai di cacao
2 uova
100 gr di farina 00
1 vasetto di yogurt bianco
1 bustina di lievito
100 gr di fichi secchi
50 gr di noci

Sbattete le uova, lo zucchero e il burro. Aggiungete la farina miscelata con lievito, il cacao, lo yougurt, le noci e i fichi a pezzettini. Versate il composto in una teglia preventivamente imburrata e infarinata, e infornate a 180° per 30 minuti circa.

Spolverizzare con zucchero a velo e noci

La ricetta originale prevedeva 50 gr di datteri e 50 gr di fichi secchi, ma io ero senza datteri e ho quindi raddoppiato la quantità di fichi secchi.

venerdì 17 febbraio 2012

Torta Cioccolato e Noci

Ecco una ricetta per una torta golosissima.

INGREDIENTI:
125g Burro
40g Farina
170g Cioccolato fondente
60g Maizena
3 uova
1 bustina di lievito
1 bustina di vanillina
120 g Zucchero
100 g Noci

Far fondere a bagno maria la cioccolata. Aggiungere un poco per volta il burro ammorbidito.
In a ciotola amalgamare con le fruste le uova con lo zucchero e la vanillina. Dopodiché aggiungere la farina con la maizena e il lievito setacciati, continuando con le fruste fino a ottenere una crema leggera e spumosa.
Incorporare delicatamente (a filo) la cioccolata fusa mescolando con un cucchiaio di legno.
Alla fine aggiungere le noci passate al tritatutto grossolanamente (non troppo fini, se no poi non si sentono più).
Versare il composto ottenuto in una teglia non troppo grande (22cm) e quindi infornare a 180° per circa 40 minuti.

La foto comprende una copertura di cioccolata ottenuta con altro cioccolato fondente sciolto (250g) in 125 ml di panna fresca calda.

Io non ho fatto la copertura, ma mi sono attrezzata con panna montata fresca a parte: squisita!

A chi piace la Sacher e la combinazione cioccolata marmellata di albicocche consiglio di tagliare in due la torta e spalmare di marmellata. (A me personalmente non piace!)

Probabilmente ha un milione di calorie, ma chissene. Mantiene un buon gusto amarognolo del cioccolato fondente.

SLURP!

martedì 31 gennaio 2012

Torta di Banane e Cioccolata versione Tagliù

Ricevo da Cristina Taglioretti (detta Tagliù) e pubblico questa super golosa torta

INGREDIENTI
pasta frolla

PER IL RIPIENO
100 g. di cioccolato
100 ml. di panna
4 banane

PER LA PASTELLA
100 ml. di panna
70 g. di zucchero
3 uova

Stendete la pasta frolla in una tortiera di 24cm. di diametro, bucherellatene il fondo.

Fate scaldare la panna, unite il cioccolato e mescolate fino a quando sarà sciolto. Versate il cioccolato sulla base di pasta frolla; coprite con le banane tagliate a rondelle.

Sbattete le uova con lo zucchero fino ad avere una crema spumosa, che raddoppierà di volume; unite la panna e continuate a montare: otterrete un impasto gonfio e chiaro, come la panna. Versate la pastella sulle banane.

Cuocete a 180° per 35 minuti.


domenica 29 gennaio 2012

Torta alle banane


Ingredienti
Banane medie 4
Burro 100 gr
Farina 250 gr
Lievito 1/2 bustina
Noci tritate 100 gr
Sale 1 pizzico
Uova 1 intero + 1 tuorlo
Vanillina 1 bustina
Zucchero 120 gr


Mettete il burro, ammorbidito a temperatura ambiente, dentro ad una ciotola, aggiungete lo zucchero, il sale e cominciate a sbattere il composto fino a farlo diventare cremoso; aggiungete, uno alla volta, l’uovo e il tuorlo, sempre mescolando con una frusta.

Schiacciate le banane fino a ridurle in crema (oppure frullatele) e aggiungetele al composto di uova, burro e zucchero.

Tritate le noci e aggiungete anch’esse al composto assieme alla farina, il lievito e la vanillina che setaccerete direttamente nella ciotola e quindi amalgamerete agli altri ingredienti.

Imburrate ed infarinate una tortiera di circa 23-24 cm di diametro, quindi versatevi il composto ottenuto e livellatelo bene.

Accendete il forno a 180°, portatelo a temperatura, infornate e cuocete la torta di banane per circa 45 minuti.

Una volta cotta, sfornate la torta di banane e lasciatela raffreddare, quindi toglietela dallo stampo e ricopritela di zucchero al velo.

C'è anche una versione senza noci ma con il cacao, la prossima volta magari la provo e poi vi aggiorno!

lunedì 16 gennaio 2012

Le Meringhe!!!!

Ieri sera ho fatto le meringhe!



Scettica scettica ci ho provato e il risultato è stato favoloso.
Gli ingredienti sono solo albume, zucchero e un goccio di limone.
Io ho usato 3 albumi, zucchero a velo (da una busta da 120gr ne ho messo più o meno la metà, ma erano troppo dolci, conviene assaggiare) e un mezzo limone spremuto.
Mettere tutti gli ingredienti in una ciotola capiente e frullare con il frullino (quello con le fruste per montare la panna) e montare con pazienza fino a che diventano durissimi (almeno un quarto d'ora)

Il casino è stato metterle sulla placca del forno: non so usare la sac à poche e quindi esteticamente lasciavano un po' a desiderare.... (la foto non è delle mie!!) comunque, a mucchietti non troppo grandi ne ho fatte una ventina (ma molto impasto è finito ovunque per mia imperizia, anche sul gatto! ne sarebbero venute di più).

Messe in forno a 60 gradi circa. Circa due ore di asciugatura (la meringa non deve cuocere ma solo asciugare) con forno semichiuso.

Poi ho abbassato ancora a 30 gradi, un'altra ora.

Poi ho spento il forno, ho chiuso lo sportello e sono andata a dormire.

Stamattina erano perfette, asciutte e croccanti anche dentro, leggermente rosate sotto. Siccome non si gonfiano in cottura la forma che avranno alla fine è quelle che le darete voi, quindi fatele belle gonfie e alte! E' per questo che l'impasto deve essere durissimo! Aveva una consistenza tipo crema Nivea ;-)

Accompagnate da panna montata e cannella..... slurp!!!

Ho poi letto che si posso aggiungere aromi o coloranti alimentari, pensavo la prossima volta di aggiungere del cacao.....

sabato 14 gennaio 2012

Quiche con porri e salmone affumicato

1 pasta sfoglia (o frolla salata)
2-3 porri
100g ca di salmone affumicato
1 vaschetta di ricotta (250g)
2 uova
sale & pepe
erba cipollina

tagliare a rondelle i porri e rosolarli in padella con un po' d'olio, finche' non si ammorbidiscono
aggiungere il salmone tagliato a pezzettini
togliere dalla fiamma, lasciare raffreddare un pochino
aggiungere la ricotta, le uova, sale & pepe, erba cipollina, mescolando bene
stendere la pasta sul fondo di una tortiera e ricoprire con il mix della quiche
mettere in forno caldo a 200' per ca. 40-45 minuti
Yummy!!! i miei hooligans hanno approvato!